Alda Merini: lettera al dottor G.

Alda, come un raggio di luce illumini paesaggi bui e polverosi acquietatisi dentro di me. Il tuo dolore vivo è il mio, le tue parole sono note usurate che voglio cantare con voce nuova; ho diviso con te la paura senza fine, l’amore dilaniante, la soglia della morte della coscienza, sorella sfortunata, il tuo dono riempie ora una moltitudine di cuori, grazie, grazie.

AldaMerini1_2

Alda Merini al dottor G.
Egregio professore, so che le è stato riferito che io non prendo «regolarmente» le sue medicine. Naturalmente si tratta dei soliti pettegolezzi di ospedale che purtroppo alle volte rovinano con la loro cattiveria la buona fede di chi crede nella lealtà del prossimo.
È vero, qualche volta ho omesso il Nobrium perché non volevo cadere nel solito stato di incoscienza e volevo tenermi un po´ desta, un po´ attiva, ma se mai un ammalato non prendesse i medicamenti prescritti la cosa più grave non è nella omissione degli stessi ma nel proposito, assurdo e malato, di non volere guarire. Chi viene a riferirle queste cose dimostra un animo molto meschino ed io nella mia semplicità ed anche nella mia malattia mi rallegro di non essere tra le file di quelli che si chiamano «spie». […]
Vede che in questo momento il mio equilibrio è sano, però prima che io possa accedere ad una certa chiarezza occorre che lasci libero sfogo alle lacrime che comprendono tanti e tanti dispiaceri. Ad esempio proprio ieri ho visto un uccellino che giocava nella sabbia, era così tenero, così patetico, che vi ho visto raffigurata la mia creatura. Le parrà assurdo ma lei non può sapere da uomo cosa significa sentirsi palpitare dentro un altro cuore, sentirselo proprio per dei mesi, donarsi ed essere continuamente gratificata da questo amore nuovo che sorge. Come vorrei farglielo intendere e come vorrei pure che ella capisse che tutta la mia confusione altro non è che un grande contenuto dolore, tanto grande, quanto grande può essere la misura di un sacrificio umano.

Continua a leggere “Alda Merini: lettera al dottor G.”

Larimar

larimar
foto: Costanza Magnocavallo

Il Larimar ha in sè l’allegria e la leggerezza di Santo Domingo, l’unico paese in cui lo si trova, e l’energia fresca della spuma del mare. Porta una ventata di calma e di verità.

La prima volta che l’ho appoggiato sulla gola, il 5° chakra, ho rivissuto il mio incontro con i delfini e sono scoppiata in una risata gioiosa e liberatoria.

Il suo azzurro sincero ci riporta alla sensazione di libertà, di serenità e di pace che proviamo osservando il mare cristallino che si espande fino all’orizzonte.

Ogni volta che abbiamo bisogno di sollevarci dalla troppa serietà della vita e ricordarci come vivere con gioia e serenità di mente e cuore, il Larimar è un vero amico.


Larimar. Has in it the joy and lightness of Santo Domingo, the only country where it is located, and the energy of the sparkling sea.

It brings a breath of freshness and truth.

The first time that I placed on the throat, it works on the 5th chakra, I relived my encounter with dolphins and I burst into a joyful and euphoric laughter.

His sincere blue brings us back to the feeling of freedom serenity and peace that we feel looking at the crystal clear sea that spreads out to the horizon. Every time we need to lift us from the burdens and seriousness of life and to live with joy and peace of heart and mind, Larimar is a true friend.

Jodorowsky a Milano

Alejandro Jodorowsky, autore di pantomime e pièce teatrali, fondatore del “teatro panico”, scrittore di romanzi e libri di fumetti, di film e , riscopritore insieme a Philippe Camoin dei Tarocchi di Marsiglia originali, sarà a Milano domenica 5 ottobre per un incontro di una giornata proprio sui tarocchi.

Clown mistico, imbroglione sacro, ha fatto dell’utilizzo dei tarocchi un vero percorso di guarigione. Suo è il libro “La via dei Tarocchi”, scritto insieme a Marianne Costa con la quale terrà lo stage.

Titolo del seminario “I tarocchi maggiori come simbolo nelle relazioni di aiuto e nella cura di sè”

per informazioni e iscrizioni

www.psicofilosofia.com