Navigando tra le stelle

ciclo lunazione

Un salotto astrologico per capire come vivere l’energia dei pianeti e i cicli di lunazione del mese dentro di noi. La Luna Nuova e la Luna Piena, i ritmi del nostro corpo e della nostra anima. Il Sole nel Segno del mese, l’energia che illumina il nostro cammino. Gli aspetti tra pianeti a livello personale e collettivo, quali sono le tensioni e i doni che ci portano. Come navigare sulle correnti planetarie per vivere in armonia con il flusso della vita. Per non subire la realtà che ci circonda, ma diventarne co-creatori…

Venerdì 1 giugno, dalle 20.30 alle 23
Arti in Natura yoga e benessere
via Monzese 15, 20090 Segrate
Cell 331 862 3592
info@artinatura.it

Star of Bethlehem, conforto e consolazione nell’aria di primavera

In questo periodo possiamo trovare fiorito nei prati questo bellissimo fiore a sei petali che appartiene alla famiglia dei gigli.
Si apre solo se c’è il sole, dopo le 11 del mattino, e quando si apre dà la sensazione di qualcosa che si sblocca, così come il rimedio creato da questa pianta sblocca l’energia, dopo un trauma o uno shock, e permette all’organismo di rimettere in atto il meccanismo di autoguarigione. Per questo Star of Bethlehem è uno dei 5 fiori che compongono il rimedio d’emergenza.
Dice il Dr. Bach “Per coloro che sono in grande pena per accadimenti che li fanno soffrire ancora. Il trauma causato da brutte notizie, la perdita di una persona cara, lo spavento dopo un incidente e così via. Per quelli che per un certo periodo si rifiutano di farsi consolare, questo rimedio porta conforto.”

E Pesci sia!

piscesSe in questi giorni vi sentite sonnolenti, rincoglioniti, sognanti, se faticate a combinare qualcosa e vorreste solo farvi una pennichella, bervi un cicchetto e sentire un pò di musica, meditare ed essere uno col cosmo, stringervi al vostro amore come delle patelle, ebbene sappiate che Sole , Mercurio e Venere sono in Pesci.

Marte in Sagittario mette il turbo alle nostre visioni, per fortuna Saturno in Capricorno ci tiene ancorati a terra e ai nostri doveri e responsabilità, perchè non approfittarne per programmare e dare forma e struttura ai nostri sogni e a questa energia che opera per il bene di tutti?

L’Arcangelo Michele

arcangelo-micheleOggi si celebrano gli Arcangeli e in particolare l’Arcangelo Michele, il grande capo degli Angeli e degli Arcangeli.

Questa preghiera è ricondotta a Steiner:
“MICHAEL! PRESTAMI LA TUA SPADA, AFFINCHE’ IO SIA ARMATO PER VINCERE IL DRAGO IN ME. EMPIMI DELLA TUA FORZA, AFFINCHE’ IO SGOMINI GLI SPIRITI CHE VOGLIONO PARALIZZARMI. AGISCI DUNQUE IN ME, AFFINCHE’ RISPLENDA LA LUCE DEL MIO IO E POSSA ESSERE CONDOTTO A COMPIERE LE AZIONI DEGNE DI TE. MICHAEL! ”

Il suo nome deriva dall’espressione Mi-ka-El che significa “Chi è come Dio?”. La sua luce è blu. Viene raffigurato con una spada o una lancia che tagliano e separano bene e male; a volte si può trovare con una bilancia che pesa e porta giustizia.
Possiamo invocarlo quando abbiamo bisogno di superare paure, ottenere forza, ed essere al sicuro in situazioni pericolose o che richiedono coraggio.

La Torah , Bibbia e il Corano menzionano l’Arcangelo Michele, nello Zohar, ad esempio, L’Arcangelo Michele accompagna le anime dei giusti in paradiso.
Esistono luoghi a lui dedicati, tra cui quella che viene chiamata la linea di Michele che parte dalla Palestina e termina a Mount Saint Michael in Cornovaglia, passando per la Sacra di San Michele, vicino a Torino e Mont Saint Michel in Francia.
C’è un cammino spirituale legato all’Arcangelo Michele, Aïvanhov, Deunov e Steiner ce ne parlano nei loro testi.

da: http://digilander.libero.it/vangeli/michele.htm “L’azione dell’Arcangelo Michele appare straordinaria nei testi sacri.
In questa epoca, invece, un compito particolare e grandioso è svolto dall’Arcangelo Michele secondo Deunov e Aïvanhov. Dirà Aïvanhov:”Le forze presiedute dall’Arcangelo Michele sono forze di equilibrio, di giustizia, quindi di discernimento tra il buono e il cattivo in vista di liberare ciò che è bene e di trasformare ciò che è male.

Ma il bene e il male sono così strettamente uniti che non li si può separare prematuramente senza provocare lacerazioni. L’arte di separare i contrari è la più difficile che ci sia; ed è in natura che gli Iniziati si sono istruiti in quest’arte. Non è facile separare la noce dal suo mallo, ma la natura sa come farlo: essa lascia maturare il frutto, il mallo si apre da solo e la noce si libera. Questa separazione è il simbolo della maturità. Continua a leggere “L’Arcangelo Michele”

Equinozio d’Autunno

Wheel-of-the-Seasons-Antony-Galbraith.jpgL’Equinozio d’Autunno segna uno dei momenti essenziali di passaggio del cammino spirituale.
Gli Equinozi avvengono due volte l’anno, quando il Sole attraversa l’Equatore e giorno e notte hanno la stessa durata.

Il Sole entra nel segno della Bilancia ♎️ che simbolicamente rappresenta anche il sole che sorge/cala all’orizzonte e l’equilibrio tra giorno e notte.
L’Equinozio d’Autunno è legato all’Equinozio di Primavera e ai Solstizi d’Estate e d’Inverno, e insieme formano la croce simbolica nella ruota dell’anno con il Sole (il principio divino, lo spirito) al Centro.


Il significato di morte (Solstizio d’inverno) e resurrezione (Equinozio di Primavera) lo troviamo negli Dei dei quali si celebra la nascita a dicembre e la resurrezione a primavera, simboleggiando il cammino spirituale dell’uomo.


Nel giorno dell’Equinozio d’Autunno Proserpina scende nell’Ade per passare i sei mesi successivi come regina dell’oltretomba, sposa di Hades (Plutone). Allo stesso modo il momento ci chiede una trasformazione, spogliarci del superfluo, accompagnare l’avanzata della notte sopra il giorno, lasciar andare la forte dualità che ci contraddistingue (l’equilibrio luce/buio si rompe da domani).

E’ la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo.
Tutte le cose devono morire per poi rinascere, tutte le ascese spirituali hanno bisogno prima di discendere nella propria oscurità. In questo periodo siamo facilitati nel cambiamento e, come sempre, meno la nostra mente si oppone con la paura, e più la trasformazione sarà lieve anche se profonda.

Abbi fiducia in te, nel futuro, nel cambiamento, cerca la connessione con la tua parte più vera, con la scintilla che sempre splende dentro te, e non distogliere lo sguardo, il resto è sogno. Questo è il passaggio necessario perchè il nostro sole possa nascere durante il Solstizio d’Inverno.
Celebriamo oggi con l’abbondanza che la natura ci offre prima di entrare nel rigido inverno!

Luna Piena ed eclissi in Pesci

fb_img_1474027111205Questa sera alle 20.54 potremo vedere nel cielo la Luna Piena appannata da un’eclissi penumbrale di Sole.
E’ la seconda eclissi del mese, nel segno dei Pesci, dove, come in ogni Luna piena, avremo una polarità di influenze opposte. Ora (la Luna Piena ha un effetto di due settimane, l’eclissi di sei mesi) sperimenteremo il mondo terreno della Vergine in opposizione al mondo dei sogni e dei sentimenti dei Pesci.
Potremo utilizzare tutte le tecniche che ci aiutano a radicarci per rimanere in contatto con i dettagli del quotidiano (Vergine) e bagnarci senza perderci nell’oceano magico dei sogni e dell’intuizione (Pesci).
E’ un’eclissi molto carica dal punto di vista emotivo (Luna congiunta a Chirone e quadrata a Marte). Ci può essere con Chirone e l’allineamento di Nettuno al Nodo Sud la necessità di guarire qualcosa che viene dal passato, una persona, una casa, un’abitudine, una credenza, un sogno, un amore.
Confusione e emozioni forti possono parlare di vite non vissute, di separazioni, di perdite, ma accanto a questo ci può essere la riscoperta di passioni negate.
Durante le eclissi gli istinti governati dalla Luna prevalgono sulla ragione solare e qui, nel segno dei Pesci questo è particolarmente accentuato. E’ il momento di permettere alle emozioni di fluire e, lavando vecchie emozioni tenute represse, guarire la nostra anima e l’anima collettiva.

Luna Nuova, Eclissi anulare di Sole, 8° in Toro, 29 aprile 2014, 6.15 GMT

new moon eclipseLo sforzo di cambiare durante il tempo della Croce Cardinale ora inizia il processo di portare i primi frutti , questo è un momento in cui possiamo cominciare a scartare alcuni doni, anche se non sempre otteniamo esattamente quello che vogliamo.

Nel segno di terra del Toro, questa eclissi ci chiede impegno e capacità di resistenza, insieme ad una sana dose di buon senso! Un’eclisse solare in Toro è un momento per nutrire le radici delle nostre creazioni, tirarle non sarà di aiuto, né lo sarà eccitarsi alla loro prima apparizione! Esse richiedono l’attenzione paziente e un trattamento delicato per costruirne la forza per tutta la vita che le aspetta.

Gli eventi nel tempo di questa eclissi ci rivelano quali germogli sono resistenti e quali non sono abbastanza forti per durare nel tempo. Può essere difficile rinunciare a quelli più deboli, soprattutto se sono di particolare importanza per noi, ma faremmo bene a prenderne atto e agire di conseguenza, a questo punto, se vogliamo evitare un intero carico di fatica sprecata nel mesi a venire. Questo è un momento di attento discernimento su cui investire la nostra attenzione e le nostre energie da questo punto in poi. Se le nostre creazioni sono indesiderabili, dobbiamo risolverle adesso.

Questa eclissi evidenzia anche il rischio di dedurre che abbiamo raggiunto una destinazione, che sia opportuno o meno. Dovunque ci troviamo, siamo ancora in cammino. Ce ne dimentichiamo facilmente e finiamo chiedendo molto di più che il miracolo di essere vivi, per ritenerci soddisfatti.

Così questo può sembrare un messaggio misto: nutrire le radici dei vostri sogni pur apprezzando il vantaggio di essere qui senza pretendere di più. Ma in realtà le due cose vanno di pari passo se vogliamo una vita serena e soddisfacente. Ma siamo ancora vivi, e finché possiamo riconoscere il miracolo di quel fatto, qualunque cosa accada sapremo noi stessi di essere già benedetti oltre misura.

 


 

The effort to change during the time of the Cardinal Cross will now begin the process of bearing fruit, this is certainly a time when we can begin to unwrap some gifts even if we don’t always get exactly what we want. In the earthy sign of Taurus, this eclipse asks of us commitment and staying power, together with a healthy dose of common-sense!

A Solar Eclipse in Taurus is a time to feed the roots of our own creations , pulling at them won’t help, neither will dancing all over them in the moment of excitement when they first appear! They require patient attention and gentle handling as they build up their strength for the lifetime ahead.

Events around the time of this eclipse may well reveal to us which shoots are in it for the long haul and which are not strong enough to make it. It can be hard to give up on the weakest ones, especially if they’re of particular importance to us, but we would do well to take note and act accordingly at this point if we want to avoid a whole load of wasted effort in the months to come.

This is a time of careful discernment about where we invest our attention and energy from this point on. And it hardly needs saying, but I’ll say it anyway: if our creations are undesirable, we need to clear them out right now. This eclipse also highlights the risk of assuming we have reached a destination, be it desirable or otherwise. Wherever we find ourselves, we are still on a journey, no matter how it may actually feel. We easily forget and end up demanding so much more than the miracle of being alive, to keep us satisfied.

So it may seem like a mixed message: nurture the roots of your dreams whilst appreciating simply being here without demanding more. But in fact the two go hand in hand if we want a peaceful and satisfying life. But we are still alive, and as long as we can recognise the miracle of that fact, whatever happens we will know ourselves to be already blessed beyond measure.